Novità
29 Settembre 2022

Tassi d’interesse in aumento: cosa cambia per risparmi, mutui e investimenti?

Di recente, la conversazione principale tra esperti, professionisti e imprenditori riguarda la possibilità di incrementare o meno i tassi di interesse per contrastare l’aumento dell’inflazione nelle principali economie del globo.

La notizia di pochi giorni fa ha coinvolto la FED, che ha incrementato i tassi d’interesse negli USA di 75 punti base.

Perché le banche centrali tagliano i tassi d'interesse quando l'economia inizia a faticare o li alzano quando l'economia è in crescita? La teoria è che, riducendo i tassi, i costi dei prestiti possano scendere: tutto ciò dovrebbe spingere le imprese a contrarre prestiti per assumere più personale ed espandere la produzione.
In particolare, negli USA il discorso è fortemente legato all’andamento dell’occupazione.

Oggi, tuttavia, il trend sembra essersi invertito: le banche centrali stanno aumentando i tassi di interesse, creando una vera e propria reazione a catena. Ma cosa significa per i risparmiatori?

Quando i tassi di interesse cambiano, si verificano effetti reali sulle modalità di accesso al credito da parte di consumatori e imprese. Questo modifica le dinamiche per effettuare acquisti necessari o pianificare la gestione delle proprie finanze.

Scopriamolo nel dettaglio.

Aumento tassi d’interesse: cosa significa per i risparmiatori

Oggi il trend degli ultimi anni sembra essersi invertito: le banche centrali stanno aumentando i tassi di interesse, creando diverse conseguenze nell’economia reale.

Il mandato della BCE e delle altre banche centrali è quello di mantenere i prezzi stabili. Quando i prezzi nella nostra economia aumentano troppo velocemente, cioè quando l'inflazione è troppo alta, l'aumento dei tassi di interesse ci aiuta a riportare l'inflazione verso l’obiettivo del 2% nel medio termine.

L'inflazione mette a dura prova i consumatori. L’aumento dei tassi di interesse, però, “invia il messaggio” che la BCE non permetterà all'inflazione di rimanere al di sopra del 2%. Ciò contribuirà a tenere sotto controllo le aspettative sul costo del denaro.

Questo tema riguarda molteplici soggetti. Dai mutui, fino ai risparmi e agli investimenti: scopriamo le conseguenze dell’aumento dei tassi su tutti i settori interessati.

Le possibili conseguenze sui mutui

Un aumento dei tassi da parte delle banche centrali alimenta immediatamente un balzo dei tassi d’interesse sui mutui. I primi a risentire di questa misura sono coloro che hanno contratto un mutuo a tasso variabile: sono indicizzati all'Euribor, il tasso interbancario di riferimento in Europa, in costante rialzo da luglio.

Secondo i dati di Facile.it, considerando che l’Euribor cresca in modo analogo all'aumento dei tassi BCE, la rata nel quarto trimestre dell'anno (da ottobre a dicembre) potrebbe aumentare da 145 euro fino a 890 euro.

Se hai un mutuo a tasso fisso, l'aumento dei tassi di interesse non avrà alcun impatto sul tuo prestito. Tuttavia, se si accende un nuovo mutuo o si ha un mutuo a tasso variabile, i pagamenti mensili potrebbero aumentare.

Un segnale di rialzo dei tassi, inoltre, può spingere gli acquirenti ad affrettarsi a concludere un accordo per un mutuo a tasso fisso su una nuova casa.
In questo senso, un altro spauracchio può essere rappresentato dallo stop ai mutui a tasso fisso per giovani under 36.

L'unico aspetto positivo è che l'aumento dei tassi previsto per oggi potrebbe essere già incorporato nei tassi attuali, il che significa che i tassi potrebbero non salire ulteriormente.

Le previsioni sul resto dell'anno sono contrastanti, ma molti esperti suggeriscono che si stabilizzeranno.

Tutti gli occhi sono puntati sugli istituti di credito per vedere come reagiranno alle mosse delle banche centrali. Sebbene quest'anno l'attività di cambio sia stata molto intensa, potrebbe arrivare un'ondata nei prossimi mesi, quando le persone si muoveranno per cercare di bloccare i tassi fissi e proteggersi in qualche modo da ulteriori aumenti.

Per molti si tratta di un'opzione non scontata e un po’ tutti i contraenti potrebbero prendere in considerazione i tassi fissi a lungo termine, in quanto spesso non è prevista alcuna commissione di interruzione a seconda dell'istituto di credito.

Il risparmio che si può ottenere è generalmente superiore al costo di qualsiasi commissione.

Cosa succederà ai risparmi?

Non solo i tuoi risparmi sono uno strumento fondamentale contro una potenziale recessione, ma puoi anche sfruttare conti di deposito sempre più competitivi.

I tassi dei mercati monetari e dei certificati di deposito aumentano a causa del rialzo del tasso di riferimento. In teoria, ciò dovrebbe stimolare il risparmio dei consumatori e delle imprese, che possono ottenere un rendimento più elevato dal loro capitale.

I risparmiatori avranno un vantaggio perché gli interessi sui loro conti di risparmio continueranno a salire. Secondo alcuni analisti, entro la fine dell'anno i tassi sui nostri conti bancari potrebbero aggirarsi tra il 2,5% e il 3%, soprattutto negli Stati Uniti. Scoprire quali sono i migliori conti deposito può essere fondamentale per qualsiasi risparmiatore per proteggersi dall’inflazione.

Questo tipo di scelta può essere ideale per prepararsi alla recessione, perché è il luogo in cui gli esperti consigliano di tenere il proprio fondo di emergenza.
Non solo un conto ad alto rendimento può aiutarti a guadagnare un po' di più sul tuo saldo, ma è anche facile spostare i tuoi fondi in entrata e in uscita e il rischio di perdere il capitale è prossimo allo zero.

Come cambiano gli investimenti

Sebbene la relazione tra tassi d'interesse e mercato azionario sia piuttosto indiretta, le due cose tendono a muoversi in direzioni opposte; come regola generale, quando la Fed taglia i tassi d'interesse, fa salire il mercato azionario e quando la Fed alza i tassi d'interesse, fa scendere le borse nel loro complesso.

Quindi questo non è un buon momento per investire nei mercati finanziari? In realtà non c'è alcuna garanzia su come il mercato reagirà a una determinata variazione dei tassi d'interesse che la Fed o la BCE decideranno di effettuare.

In un contesto così complesso, bisogna considerare anche i broker e il loro funzionamento per trovare l’alternativa migliore per i propri investimenti.

I tassi di interesse e le obbligazioni si muovono in modo inverso: quando i tassi salgono, i prezzi delle obbligazioni scendono e viceversa. Le obbligazioni di nuova emissione avranno cedole più alte dopo l'aumento dei tassi, facendo diminuire il valore delle obbligazioni con cedole basse emesse in un contesto di tassi inferiori.

È utile comprendere dei concetti relativi al rapporto tra obbligazioni e tassi d'interesse:

  • Rendimenti e perdite: immagina di aver acquistato un'obbligazione per 1.000 euro, ovvero al valore nominale. Se la BCE aumenta il tasso di interesse, il valore di mercato dell'obbligazione può scendere a 900 euro. In questo caso, la perdita sulla carta è di 100 euro, ma non è reale: può diventarlo solo nel momento in cui si vende l'obbligazione. Se si tiene il prodotto fino alla scadenza, si dovrebbe ricevere il 100% del suo valore nominale originale, a meno che l'emittente non sia inadempiente.
  • Fluttuazione dei tassi d'interesse e dei tassi di mercato: quando i tassi d'interesse fluttuano, il tasso di mercato di un'obbligazione fluttua di pari passo. Ma non tutte le obbligazioni sono colpite allo stesso modo: le obbligazioni con scadenze più brevi possono risentire meno delle fluttuazioni dei tassi d'interesse, mentre quelle con scadenze più lunghe subiscono in genere una maggiore perdita sulla carta.
  • Variazioni a breve termine e prospettive a lungo termine: le variazioni dei tassi di interesse a breve termine non dovrebbero influenzare le prospettive a lungo termine per un investitore con un orizzonte temporale lungo e un mix adeguato di azioni e obbligazioni (portafoglio bilanciato). Le diminuzioni dei prezzi delle obbligazioni saranno probabilmente compensate da aumenti in un momento successivo. La continuità e la diversificazione possono aiutare a preservare il portafoglio d'investimento complessivo dagli effetti della variazione dei tassi d'interesse nel lungo periodo.

Oltre alle azioni e alle obbligazioni, considera come le variazioni dei tassi potrebbero influire su altri elementi del tuo portafoglio.

  • Potresti detenere conti deposito bancari e certificati come cuscinetto per investimenti più volatili come le azioni. Un aumento del tasso di interesse può portare a un incremento del rendimento annuo percentuale dei certificati e dei conti di risparmio. Pertanto, i tassi dei certificati e dei conti sono generalmente più favorevoli dopo un aumento dei tassi e meno favorevoli dopo un taglio.
  • I prezzi delle materie prime possono scendere quando i tassi d'interesse aumentano, il che suggerisce che un aumento dei tassi d'interesse a volte crea un clima sfavorevole per questi investimenti e viceversa.
  • Se hai partecipazioni nel settore immobiliare, un aumento dei tassi di interesse può essere dannoso, mentre un taglio può essere vantaggioso. I prezzi degli immobili sono strettamente legati ai mercati dei tassi d'interesse, in parte a causa del costo del finanziamento (mutui) e in parte a causa di alcune caratteristiche simili alle obbligazioni, come il pagamento regolare del reddito. Come per le obbligazioni, il flusso di reddito generato dagli immobili diventa meno interessante con l'aumento dei tassi di interesse e delle cedole delle obbligazioni di nuova emissione.

Conclusioni

Con l'aumento dei tassi di interesse, il denaro diventa più costoso. Ciò influisce sul prezzo di alcuni beni e servizi, come case e automobili e può indurre i consumatori a spendere meno, riducendo la domanda.

Se la domanda di beni e servizi diminuisce, le imprese rivedono la produzione, licenziando i lavoratori e aumentando la disoccupazione. Nel complesso, un aumento dei tassi di interesse rallenta l'economia. Una diminuzione dei tassi di interesse ha l'effetto opposto.

Dal punto di vista di un risparmiatore, quando i tassi di interesse aumentano:

  • I prezzi delle obbligazioni scendono
  • Ci sono potenziali perdite sul mercato azionario
  • Aumentano i tassi di interesse sui conti deposito e sui certificati
  • I prezzi delle materie prime scendono
  • Crescono i tassi sui mutui

Poiché le fluttuazioni dei tassi di interesse possono influenzare gli investimenti in modi diversi, non esiste un'unica azione da intraprendere in caso di cambiamento.

Resta concentrato sui tuoi obiettivi finanziari, attieniti al piano e collabora con il tuo consulente finanziario per costruire un portafoglio sufficientemente diversificato da poter affrontare gli effetti a breve termine di una variazione dei tassi.

Autore dell’articolo

Alfredo de Cristofaro
Founder
Laureato in Economia e Finanza, dopo aver lavorato a lungo presso uno dei principali intermediari finanziari in Europa, ha deciso di mettere a disposizione dei risparmiatori le conoscenze maturate nel corso degli anni. Su QualeBanca.com si occupa di recensire banche e conti, assicurandosi che vengano garantiti i più alti standard di sicurezza e trasparenza.

Leggi altri post della stessa categoria