Top Stories

Altre guide

Come scegliere un conto corrente

Come scegliere un conto corrente

Il conto corrente è uno strumento bancario attraverso il quale è possibile depositare denaro presso un istituto di credito: la banca custodisce il denaro e offre al correntista una serie di servizi, tra cui l’accredito dello stipendio o della pensione, la domiciliazione delle bollette, la possibilità di emettere bonifici o assegni ecc. Aprendo un conto corrente, quindi, potrai gestire al meglio le tue finanze, monitorando le entrate e le uscite, prelevando le somme di cui hai bisogno o trasferendo denaro verso un altro conto bancario. 

Il conto corrente è associato ad un IBAN, ovvero un codice necessario per emettere o ricevere bonifici. Una volta aperto il conto potrai richiedere una carta di debito, utilizzabile per effettuare pagamenti sia in negozio che online.    

Se sei alla ricerca di un conto corrente o se intendi sostituire quello attuale, la prima cosa da definire è quali caratteristiche deve possedere il conto corrente adatto a te: vuoi un conto corrente a zero spese? Vuoi gestire tutte le operazioni via internet senza doverti recare in filiale? Cerchi prelievi da ATM gratuiti? Avere un’idea chiara prima di iniziare il processo di ricerca è fondamentale, solo in questo modo potrai individuare il conto corrente più adatto alle tue esigenze.

Sappiamo che l’offerta sul mercato è molto vasta e ciò rende la scelta ancora più ardua. È per questo che abbiamo individuato i 6 parametri principali che ti guideranno nella ricerca del tuo conto corrente. 

1

Canone annuo


Il canone annuo è sicuramente il primo aspetto di un conto corrente che tendiamo a controllare. Se ancora non lo sapevi, esistono moltissimi conti a canone zero, in particolare quelli offerti dalle banche digitali. Un conto a canone zero offre funzionalità di base, perciò se hai bisogno di un conto solo per svolgere le operazioni bancarie quotidiane potrebbe essere l’opzione giusta per te.

Sebbene l’apertura del conto in genere sia gratuita, potresti dover sostenere dei costi di apertura una tantum. Tra i costi di tenuta del conto, inoltre, vi è l’imposta di bollo di € 34,20, che viene addebitata trimestralmente. Questa imposta non deve essere pagata se la giacenza media annua del conto corrente è inferiore o pari a € 5.000.
2

Conto corrente online o tradizionale


Una delle cose che devi chiarire da subito è se preferisci un conto digitale o un conto tradizionale. Per conto digitale si intende un conto corrente gestibile interamente dall’app: ogni operazione verrà effettuata via internet, a partire dall’apertura del conto stesso. Se invece vuoi avere la possibilità di poter svolgere le operazioni anche in filiale, allora opta per un conto tradizionale.
Ad ogni modo, anche utilizzando un conto tradizionale è ormai possibile gestire la maggior parte delle operazioni quotidiane tramite l’app bancaria (bonifici, controllo dei movimenti, pagamento di bollettini e MAV ecc.). Tuttavia, le app offerte dalle banche digitali come N26, Hype o Revolut sono più moderne e offrono funzionalità all’avanguardia, come ad esempio la creazione di obiettivi di risparmio o il cashback.
3

Commissioni


Tra le principali commissioni da tenere in considerazione troviamo:

Commissioni sulle operazioni quotidiane: come quelle per l’emissione di bonifici, per il versamento di contanti o per il pagamento di bollette, bollettini e MAV.
Commissioni sui prelievi da ATM: i prelievi sono gratuiti solo presso gli ATM della propria banca o anche presso le altre banche? A quanto ammontano le commissioni sui prelievi in area extra-euro?.
Commissioni sui pagamenti in valuta estera: se vi è una maggiorazione sul tasso di cambio - di solito espressa in percentuale - allora significa che vengono applicate delle commissioni. Altrimenti, verrà applicato il tasso di cambio interbancario.

Puoi trovare tutti i costi e le commissioni nei fogli informativi del conto corrente. Non ti limitare a leggere ciò che c’è scritto sul sito della banca perché spesso alcune informazioni importanti vengono omesse. Mettiti alla ricerca di eventuali costi nascosti.

4

I fondi sono protetti?


Sicuramente ti sei chiesto quali garanzie ci sono sui fondi che depositi nel conto corrente e cosa succederebbe se la banca fallisse. A questo proposito, sappi che tutti gli istituti bancari dell’area euro sono tenuti ad aderire al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, ossia un meccanismo di tutela europeo che, in caso di insolvenza della banca, garantisce i correntisti fino a un massimo di 100.000 euro.
La situazione è diversa, invece, nel caso in cui si tratti di un istituto di moneta elettronica, il quale non aderisce a questo fondo. In quest’ultimo caso potresti essere esposto all’eventuale default dell’intermediario e, come conseguenza, di perdere i tuoi soldi.
5

Offerta di servizi bancari a 360°


Oltre ad un conto corrente, potresti voler usufruire di altri servizi bancari con lo stesso intermediario come il conto deposito, i prestiti, i mutui o la carta di credito. In questo caso, quindi, dovrai assicurarti innanzitutto che l'intermediario offra tutti i servizi bancari di cui hai bisogno e, successivamente, che le condizioni e i prezzi siano competitivi.
6

Servizi accessori


Infine, ti consigliamo di controllare sempre quali sono i servizi accessori associati al conto e se ci sono delle promozioni attive, grazie alle quali potresti approfittare di prezzi vantaggiosi. Per servizi accessori si intende, ad esempio, il cashback, le assicurazioni da viaggio oppure sconti e vantaggi presso negozi partner.
Se sei una persona che fa tanti acquisti o che viaggia molto, infatti, queste funzionalità potrebbero rivelarsi molto utili.


Per facilitare la tua ricerca puoi consultare i migliori conti correnti proposti da Qualebanca.
Autore dell'articolo
Giulia Cortesi Autore
Giulia Cortesi
Fintech Expert

Laureata in Languages for International Communication, appassionata di lingue straniere, copywriting e comunicazione digitale. Su QualeBanca si occupa di scrivere articoli e guide sul mondo bancario e fintech, con lo scopo di informare gli utenti ed orientarli verso le scelte migliori.